giovedì 16 agosto 2012

Karpathos, consigli di viaggio per l'isola greca congelata nel passato | Travel Fanpage

In italiano la chiamiamo Scarpante, ma a differenza di molte altre isole greche è molto più famosa da noi con il suo nome originale: Karpathos. Famosa è ovviamente una parola grossa: anche questa volta vi portiamo in una delle destinazioni del Mar Egeo meno battute, e per questo più affascinanti. Un’isola che conserva intatto non solo il suo aspetto naturale, ma anche la sua storia e le tradizioni, in piccoli angoli interni che sembrano essersi congelati nel tempo. Mentre il resto ha acquisito rilevanza internazionale, e anche questo punto sulla mappa del Dodecanneso viene segnalato da un discreto numero di appassionati. Resta il fatto, però, che anche in agosto l’isola è popolata solo da poche migliaia di abitanti, il che ne fa una meta perfetta per chi nelle vacanze al mare cerca una settimana di totale tranquillità.
Karpathos, consigli di viaggio per l'isola greca congelata nel passato.
Spiaggia di Apella, foto di ufoncz
Le spiagge di Karpathos meritano da sole la visita all’isola. L’aspetto incontaminato ben si riflette nelle acque color turchese che bagnano le baie. Attenzione, però, perché la scelta del lido più indicato ai vostri gusti dipende da che tipo di turista siete. La costa occidentale è infatti famosa per essere battuta dai venti meltemi, e per questo poco adatta alla balneazione, molto rischiosa nelle acque agitate. Ma è perfetta per gli amanti del windsurf e del kitesurfing. Karpathos ha vissuto un intenso fenomeno di emigrazione verso gli Stati Uniti e l’Australia, e gli espatriati al loro ritorno hanno importato questi sport, rendendola una delle destinazioni più celebri nel mondo. Chi vuole invece semplicemente sdraiarsi e prendere il sole deve dirigersi sul riparato lato orientale, dove ci sono sia spiagge sabbiose che ghiaiose. Le più popolari, ma anche più affollate, sono quelle di Pigadia, Ammoupi e Lefkos. Anche tra quelle più isolate, però, è difficile trovare calette vergini dove non sia arrivato il business delle taverne e degli ombrelloni a pagamento. Agios Mynas e Kyra Panaya erano un tempo più nascoste, ora sono raggiungibili tramite la strada. La spiaggia più bella è senza dubbio quella di Apella: circondata da montagne e una macchia di vegetazione è spesso considerata una delle migliori in tutta la Grecia.


continua su: http://travel.fanpage.it/karpathos-consigli-di-viaggio-per-l-isola-greca-congelata-nel-passato/#ixzz23jI9R2QD 
http://travel.fanpage.it


'via Blog this'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget