venerdì 23 novembre 2012

CUCCIA:dolce siciliano per Santa Lucia

 "Non è difficile fare la cuccìa. Si mette a bagno il grano per 3 giorni, cambiando ogni giorno l'acqua, poi si fa bollire. Io lo faccio bollire per una trentina di minuti la sera del dodici, poi copro la pentola con una coperta e lo lascio per tutta la notte. L'indomani, Santa Lucia, lo scolo e lo condisco con la ricotta zuccherata, gocce di cioccolato e cannella. Sembra complicato, ma non lo è. Somiglia un pò alla farcia della pastiera. La leggenda dice che nel 1646 Santa Lucia fece arrivare in Sicilia, dopo una grave carestia, una nave carica di grano che fu bollito e mangiato, per cui è rimasta la tradizione di mangiare il grano cotto detto cuccìa, da "còcciu" cosa piccola,chicco."FONTE

'via Blog this'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget